Applicazioni cliniche della psicoterapia EMDR

L’articolo è diviso in tre parti. Nella prima viene dato un quadro generale delle applicazioni cliniche dell’EMDR, sottolineando come, mentre il protocollo per il trattamento del DPTS e del trauma è stato ampliamente verificato, si è ancora in attesa di conferme sulle nuove applicazioni. La seconda parte riporta un elenco di studi sull’EMDR che dimostra l’ampiezza e diversificazione del target della terapia. L’ultima parte, nonché la più lunga, è un elenco di riferimenti che gli interessati possono utilizzare per orientarsi tra le nuove scoperte e applicazioni.

La psicoterapia EMDR è oggi largamente riconosciuta come trattamento di prima scelta per i traumi (ad esempio American Psychiatric Association, 2004; Bisson & Andrew, 2007; Bleich et al., 2002; CREST, 2003; DVA/DoD, 2004; Foa et al., 2009; INSERM, 2004; NICE, 2005)

Le applicazioni cliniche dell’EMDR si basano sul modello dell’Elaborazione Adattativa delle Informazioni (AIP; vd. Shapiro, 2001, 2002, 2006, 2007) che afferma che la rielaborazione diretta dei ricordi di eventi o altre esperienze implicate, può avere un effetto positivo nel trattamento di molti disturbi clinici. Questa teoria ha ricevuto supporto da studi controllati in doppio cieco con una grande varietà di diagnosi. Il protocollo standard è andato espandendosi (Shapiro, 1995, 2001) grazie all’aggiunta di ulteriori applicazioni utilizzate nella pratica clinica da esperti e consulenti in numerose aree di specializzazione.

I protocolli dell’EMDR per il DPTS sono stati, invece, largamente investigati da ricerche controllate e si spera che avvenga lo stesso con le altre applicazioni promettenti della terapia; sono già stati ampiamente delineati i parametri (Shapiro, 2001, 2002). Per aiutare i ricercatori ad identificare i protocolli disponibili per lo studio e per assistere gli specialisti nell’ottenimento della supervisione nelle applicazioni che vengono proposte qui sotto sono elencati i materiali pubblicati.

Un’altra risorsa eccellente è la Francine Shapiro Library (FSL) ideata da Barbara Hensley Ed.D. e ospitata dalla Northern Kentucky University. Si tratta del primo  archivio per articoli scientifici e altri scritti importanti che riguardano il modello dell’Elaborazione Adattabile delle Informazioni (AIP) e l’EMDR. L’intento della FSL è duplice: 1) ospitare digitalmente i documenti a proposito dell’EMDR e dell’AIP e 2) compilare e mantenere aggiornata una lista completa e accurata delle citazioni a proposito dell’AIP e dell’EMDR

Fin dallo studio iniziale sull’efficacia (Shapiro, 1989a), sono stati riportati risultati terapeutici positivi dell’EMDR con target molto vari, tra cui i :

  1. Veterani delle guerre in Iraq, Afghanistan, Vietnam, Corea e della Seconda guerra mondiale che erano precedentemente immuni ai trattamenti e che in seguito non hanno più sperimentato flashback, incubi e altre conseguenze del DPTS (Blore, 1997a; Carlson, Chemtob, Rusnak, & Hedlund, 1996; Carlson, Chemtob, Rusnak, Hedlund, & Muraoka, 1998; Daniels, Lipke, Richardson, & Silver, 1992; Lipke, 2000; Lipke & Botkin, 1992; Russell, 2006, 2008; Russell, Silver, Rogers, & Darnell, 2007; Silver & Rogers, 2001; Silver, Rogers, & Russell, 2008; Thomas & Gafner, 1993; Wesson & Gould, 2009; White, 1998; Young, 1995; Zimmermann, Güse, Barre, Biesold, 2005).
  2. Persone con fobie, disturbi da panico, disturbo ossessivo compulsivo e disturbo d’ansia generalizzata che hanno rivelato una riduzione della paura e dei sintomi (Böhm & Voderholzer, 2010; De Jongh, 2012; De Jongh, Holmshaw, Carswell, & van Wijk, 2010; De Jongh & ten Broeke, 1998; De Jongh, ten Broeke & Renssen, 1999; De Jongh, van den Oord, & ten Broeke, 2002; Doctor, 1994; de Roos, & de Jongh, 2008; Feske & Goldstein, 1997; Fernandez & Feretta, 2007; Goldstein, 1992; Gauvreau, & Bouchard, 2008; Gattinara, 2009; Goldstein & Feske, 1994; Gros & Antony, 2006; Grey, 2011; Howard & Cox (2006); Kleinknecht, 1993; Marr, 2012; Nadler, 1996; Nazari et al., 2011; Newgent, Paladino, Reynolds, 2006; O’Brien, 1993; Protinsky, Sparks, & Flemke, 2001a; Roos, Veenstra, et al., 2010; Schurmans, 2007). Alcuni studi controllati sull’aracnofobia hanno rivelato dei benefici dell’EMDR relativamente minimi (ad esempio, Muris & Merckelbach, 1997; Muris, Merkelbach, Holdrinet, & Sijsenaar, 1998; Muris, Merckelbach, van Haaften & Nayer, 1997) ma le valutazioni sono state danneggiate dalla mancata fedeltà ai protocolli pubblicati (vd. De Jongh et al., 1999; Shapiro, 1999 e Appendix D). Anche una valutazione del disturbo da panico con agorafobia (Goldstein, de Beurs, Chambless, & Wilson, 2000) ha riportato risultati limitati (per la discussione completa vd. Shapiro, 2001, 2002; vd. anche Appendix D).
  3. Vittime di crimini, ufficiali di polizia, vigili del fuoco e operatori sul campo che non soffrono più di disturbi dovuti ad assalti violenti e/o alla natura stressante del loro lavoro (Baker & McBride, 1991; Dyregrov, 1993; Jensma, 1999; Kitchiner, 2004; Kitchiner & Aylard, 2002; Kleinknecht & Morgan, 1992; Lansing, Amen, Hanks, Rudy, 2005; McNally & Solomon, 1999; Page & Crino, 1993; Rost, Hofmann & Wheeler, 2009; Shapiro & Solomon, 1995; Solomon, 1995, 1998; Solomon, & Dyregrov, 2000; Wilson, Becker, Tinker, & Logan, 2001)
  4. Persone che sono state risollevate dal lutto eccessivo per la perdita di un caro o per morti dovute al loro lavoro, come ad esempio ingegneri non più distrutti dal senso di colpa dato all’investimento inevitabile di pedoni da parte di un loro treno (Gattinara, 2009; Lazrove et al., 1998; Puk, 1991a; Shapiro & Solomon, 1995; Solomon, 1995, 1998; Solomon & Kaufman, 2002;  Solomon & Rando, 2007; Solomon & Shapiro, 1997; Sprang, 2001)
  5. Bambini e adolescenti guariti da sintomi, tra cui la depressione, causati da esperienze scioccanti (Ahmad et al., 2007; Bae, Kim, & Park, 2008; Beer & Bronner, 2010; Bronner et al., 2009; Chemtob, Nakashima, Hamada & Carlson, 2002; Cocco & Sharpe, 1993; Datta & Wallace, 1994, 1996; Fernandez, 2007; Fernandez, Gallinari, & Lorenzetti, 2004; Greenwald, 1994, 1998, 1999, 2000, 2002; Hensel, 2006, 2009; Jaberghaderi, Greenwald, Rubin, Dolatabadim, & Zand, 2004; Johnson, 1998; Jarero, Artigas, & Hartung, 2006; Korkmazler-Oral & Pamuk, 2002; Kraft, Ribchester, Yule & Duncan, 2010; Schepker, Goldbeck, & Fegert, 2006; Lovett, 1999; Maxfield, 2007; Oras et al., 2004; Pellicer, 1993; Puffer, Greenwald & Elrod, 1998; Rodenburg et al., 2009; Russell & O’Connor, 2002; Scheck, Schaeffer, & Gillette, 1998; Shapiro, 1991; Soberman, Greenwald, & Rule, 2002; Stewart & Bramson, 2000; Streeck-Fischer, 2005; Taylor, 2002; Tinker & Wilson, 1999 Tufnell, 2005; Wadaa, Zaharim, & Alqashan, 2010; Wanders, Serra, & de Jongh, 2008; Zaghrout-Hodali, Alissa, & Dodgson, 2008)
  6. Vittime di aggressioni sessuali che sono ora in grado di condurre vite normali e avere relazioni intime (Edmond, Rubin, & Wambach, 1999; Hyer, 1995; Kowal, 2005; Parnell,1999; Posmontier, Dovydaitis, & Lipman, 2010; Puk, 1991a; Rothbaum, 1997; Rothbaum, Astin, Marsteller, 2005; Scheck, Schaeffer, & Gillette, 1998; Shapiro, 1989b, 1991, 1994; Wolpe & Abrams, 1991)
  7. Vittime di disastri naturali o causati dall’uomo che sono tornate a vite normali (Chemtob et al, 2002; Colelli, & Patterson, 2008; Farrell et al., 2011; Fernandez, 2008; Fernandez, et al, 2004; Gelbach, 2008; Grainger, Levin, Allen-Byrd, Doctor, & Lee, 1997; Jarero, & Artigas, 2010; Jarero, Artigas, Mauer, Lopez Cano, & Alcala, 1999; Jayatunge, 2008; Knipe, Hartung, Konuk, Colleli, Keller, & Rogers, 2003; Konuk, Knipe, Eke, Yuksek, Yurtsever, & Ostep, 2006; Shapiro & Laub, 2008; Shusta-Hochberg, 2003; Silver, Rogers, Knipe & Colelli, 2005)
  8. Vittime di incidenti, chirurgie e bruciature che erano emotivamente o fisicamente debilitati e sono ora in grado di riprendere le loro normali attività (Blore, 1997b; Broad & Wheeler, 2006; Hassard, 1993; McCann, 1992; Puk, 1992; Softic, 2009: Solomon & Kaufman, 1994).
  9. Vittime di disfunzioni familiari, coniugali o sessuali che sono ora in grado di mantenere relazioni sane (Bardin, 2004; Capps, 2006; Errebo & Sommers-Flanagan, 2007; Keenan & Farrell, 2000; Gattinara, 2009; Kaslow, Nurse, & Thompson, 2002; Knudsen, 2007; Koedam, 2007; Levin, 1993; Madrid, Skolek & Shapiro, 2006; Moses, 2007; Phillips et al. 2009; Protinsky, Sparks, & Flemke, 2001b; Reicherzer, 2011; Shapiro, Kaslow, & Maxfield, 2007; Snyder, 1996; Stowasser, 2007; Talan, 2007; Wernik, 1993; Wesselmann & Potter, 2009)
  10. Pazienti a ogni livello di dipendenza chimica, perversione/dipendenza sessuale e giocatori d’azzardo patologici che mostrano ora chiari segni di recupero e di diminuzione della tendenza alla ricaduta (Abel & O’Brien, 2010; Amundsen & Kårstad, 2006; Besson, Eap, Rougemont-Buecking, Simon, Nikolov, Bonsack, 2006; Cox & Howard, 2007; Hase, Schallmayer, & Sack, 2008; Henry, 1996; Marich, 2009; Popky, 2005; Ricci, 2006; Ricci et al., 2006; Shapiro & Forrest, 1997; Shapiro, Vogelmann-Sine, & Sine, 1994; Vogelmann-Sine, Sine, Smyth, & Popky, 1998; Zweben & Yeary, 2006)
  11. Persone affette da disturbi dissociativi che migliorano più velocemente di quelle sottoposte a trattamenti tradizionali (Cohen, 2009; Fine, 1994; Fine & Berkowitz, 2001; Lazrove, 1994; Lazrove & Fine 1996; Marquis & Puk, 1994; Paulsen, 1995; Rouanzoin, 1994; Twombly, 2000, 2005; Young, 1994)
  12. Persone con ansia da prestazione o deficit nella scuola, nel lavoro, nelle arti e nello sport, che hanno ottenuto dei benefici usando l’EMDR come strumento di aiuto nel miglioramento della performance (Barker,  & Barker, 2007; Crabbe, 1996; Foster & Lendl, 1995, 1996; Graham, 2004; Maxfield & Melnyk, 2000; Silverman, 2011)
  13. Persone con problemi somatici / disturbi somatoformi, tra cui emicrania, dolore cronico, sindrome dell’arto fantasma, eczema cronico, problemi gastrointestinali, sindrome da fatica cronica, crisi psicogene, disturbi alimentari e immagine corporea negativa, che hanno raggiunto un sollievo dalle sofferenze (Bloomgarden, & Calogero, 2008; Brown, McGoldrick, & Buchanan, 1997; Chemali & Meadows, 2004; de Roos, Veenstra, et al., 2010; Dziegielewski & Wolfe, 2000; Friedberg, 2004; Gattinara, 2009; Grant, 1999; Grant & Threlfo, 2002; Gupta & Gupta, 2002; Kelley, & Selim, 2007; Kneff & Krebs, 2004; Konuk et al., 2011; Kowal, 2005; Marcus, 2008; Mazzola et al., 2009; McGoldrick, Begum, & Brown, 2008; Ray & Zbik, 2001; Royle, 2008; Russell, 2008a, b; Schneider et al., 2007, 2008; Silver, Rogers, & Russell, 2008; Tinker & Wilson, 2006; Torun, 2010; Van Loey & Van Son, 2003; Wilensky, 2006; Wilson et al., 2000)
  14. Adulti e adolescenti con depressione diagnosticata che sono stati trattati con successo (Bae, Kim & Park, 2008; Broad & Wheeler, 2006; Gomez, 2008; Grey, 2011; Hogan, 2001; Manfield, 1998b; Protinsky, Sparks,  & Flemke, 2001a; Srivastava, & Mukhopadhyay, 2008; Tanaka, & Inoue, 1999; Uribe, & Ramirez, 2006)
  15. Pazienti con traumi acuti e una larga varietà di DPTS e problemi della personalità causati da traumi che hanno sperimentato dei sostanziali benefici grazie all’EMDR (Allen & Lewis, 1996; Barol, & Seubert, 2010; Bisson, Ehlers, Matthews, Pilling, Richards, Turner, 2007; Brown  & Shapiro, 2006; Carbone, 2008; Cohn, 1993; Farrell et al., 2010; Fensterheim, 1996; Forbes, Creamer, & Rycroft, 1994; Gelinas, 2003; Hogberg, Pagani, Sundin, Soares, Aberg-Wistedt, Tarnell, et al, 2007; Inoue, 2009;  Kim & Choi, 2004; Kutz, Resnik, & Dekel, 2008; Ironson, et al., 2002; Kim & Choi, 2004; Kitchiner, 1999, 2000; Korn & Leeds, 2002; Laub & Weiner,  2011; Lee, et al., 2002; Manfield, 1998a; Manfield & Shapiro, 2003; Marcus, Marquis, & Saki, 1997; Marquis, 1991; Maxwell, 2003; McCullough, 2002; McLaughlin et al, 2008; Mevissen, & de Jongh, 2010; Mevissen, Lievegoed, & de Jongh, 2010; Mevissen, Lievegoed, Seubert, & de Jongh, 2011; Parnell, 1996; 1997; Pollock, 2000; Power et al., 2002; Protinsky, Sparks, & Flemke, 2001a; Puk,1991b; Raboni, Tufik, & Suchecki, 2006; Renfrey & Spates, 1994; Rittenhouse, 2000; Sandstrom et al., 2008; Schneider, Nabavi, Heuft, 2005; Seidler & Wagner, 2006; Shapiro, 2012; Shapiro & Forrest, 1997; Shapiro & Laub, 2008; Spates & Burnette, 1995; Spector & Huthwaite, 1993; Sprang, 2001; van der Kolk, Spinazzola, Blaustein, Hopper, Hopper, Korn, Simpson, 2007; Tofani & Wheeler, 2011; van den Berg & van den Gaag, 2012; Vaughan, et al., 1994; Vaughan, Wiese, Gold, & Tarrier, 1994; Wilson, Becker, & Tinker, 1995, 1997; Wolpe & Abrams, 1991; Zabukovec, Lazrove & Shapiro, 2000.

Riferimenti

Abel, N. J., & O’Brien, J. M. (2010). Trattamento tramite EMDR del DPTS comorbido e della dipendenza da alcool: un caso esempio. Journal of EMDR Practice and Research4, 50-59.

Adúriz, M. E., Bluthgen, C., & Knopfler, C. (2009). Aiutare i bambini vittime di inondazioni in Argentina tramite gruppi di intervento EMDR: i risultati del trattamento e le differenze di genere. International Journal of Stress Management, 16, 138-153.

Ahmad A, Larsson B, Sundelin-Wahlsten V. (2007). Il trattamento EMDR su bambini affetti da DPTS: risultati di uno studio randomizzato controllato. Nord J Psychiatry, 61, 349-54.

American Psychiatric Association (2004).  Practice Guideline for the Treatment of Patients with Acute Stress Disorder and Posttraumatic Stress  Disorder. (tr. Linee guida pratiche per il trattamento dei pazienti affetti da Disturbo Acuto da Stress e Disturbo Post Traumatico da Stress).  Arlington, VA: American Psychiatric Association Practice Guidelines.

Amundsen, J. E., & Kårstad, K. (2006). Om bare Jeppe visste.- EMDR og rusbehandling. [Integrare l’EMDR e il trattamento degli abusi di sostanze]. Tidsskrift for Norsk Psykologforening, 43(5),469.

Allen, J. G., & Lewis, L. (1996). Quadro concettuale del trattamento dei ricordi traumatici e la sua applicazione all’EMDR. Bulletin of the Menninger Clinic, 60 (2), 238-263.

Bae, H., Kim, D. & Park, Y.C. (2008). Desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari per adolescenti affetti da depressione Psychiatry Investigation, 5, 60-65.

Baker, N. & McBride, B. (1991, August). Applicazioni cliniche dell’EMDR in contesti legati alla polizia: osservazione dell’unità di servizio psicologico del dipartimento dello sceriffo di l.a. county. Rapporto presentato alla Police Psychology (divisione 18, sotto-sezione Police & Public Safety). Mini-Convention durante la Convention annuale della American Psychological Association, San Francisco, CA.

Barol, B. I., & Seubert, A. (2010). Trampolini di lancio: il trattamento tramite EMDR di individui con disabilità intellettive e di sviluppo e comportamenti difficili. Journal of EMDR Practice and Research4, 156-169.

Bardin, A. (2004). L’EMDR dal punto di vista della famiglia. Journal of Family Psychotherapy, 15, 47-61.

Barker, R. T., & Barker, S. B. (2007). L’uso dell’EMDR per la riduzione dell’ansia da presentazione. Journal of EMDR Practice and Research, 1(2), 100-108.

Beer, R., & Bronner, M. B. (2010). L’EMDR in pediatria e riabilitazione: è uno strumento efficace per la riduzione delle reazioni allo stress? Dev Neurorehabil13(5), 307-9.

Besson, J., Eap, C., Rougemont-Buecking, A., Simon, O., Nikolov, C., Bonsack, C.  (2006). [Dipendenze]. Revue Médicale Suisse, 2(47), 9-13.

Bisson, J., & Andrew, M. (2007). Trattamento psicologico del Disturbo Post Traumatico da Stress (DPTS) Cochrane Database of Systematic Reviews 2007, Issue 3. Art. No.: CD003388. DOI: 10.1002/14651858.CD003388.pub3.

Bisson, J. I., Ehlers, A., Matthews, R., Pilling, S., Richards, D., & Turner, S. (2007). Trattamento psicologico del Disturbo Post Traumatico da Stress cronico. Analisi sistematica e meta-analisi. British Journal of Psychiatry, 190, 97-104.

Bleich, A., Kotler, M., Kutz, I., & Shalev, A.  (2002). Memoria ufficiale del National Council for Mental Health israeliano: Guidelines for the assessment and professional intervention with terror victims in the hospital and in the community (tr. Linee guida per la valutazione e l’intervento professionale sulle vittime del terrorismo negli ospedali e nelle comunità). Jerusalem, Israel.

Blore, D. C. (1997a). Riflessioni su “un giorno in cui il mondo intero sembrava buio”. Changes: An International Journal of Psychology and Psychiatry, 15, 89-95.

Blore, D. C. (1997b). L’uso dell’EMDR nel trattamento della gelosia morbosa: un caso di studio. British Journal of Nursing, 6, 984-988.

Bloomgarden, A., & Calogero, R. M. (2008). Un test sperimentale randomizzato sull’efficacia del trattamento tramite EMDR dell’immagine corporea negativa in pazienti affetti da disturbi alimentari. Eat Disord, 16(5), 418-427.

Böhm, K., & Voderholzer, U. (2010). Uso dell’EMDR per il trattamento dei disturbi ossessivo-compulsivi: una serie di casi.  Verhaltenstherapie, 20, 175–181

Broad, R. D., & Wheeler, K. (2006). Adulto con traumi medici risalenti all’infanzia trattato con Psicoterapia Psicoanalitica e EMDR: un caso di studio. Perspectives in Psychiatric Care, 42(2), 95-105.

Bronner, M. B., Beer, R., Jozine van Zelm van Eldik, M., Grootenhuis, M. A., & Last, B. F. (2009). Ridurre lo stress acuto in un paziente sedicenne usando la terapia cognitivo-comportamentale centrata sul trauma e la desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari. Developmental Neurorehabilitation, 12, 170-174.

Brown, K. W., McGoldrick, T., & Buchanan, R. (1997). Disturbo da dismorfismo corporeo: sette casi trattati con la desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari. Behavioural & Cognitive Psychotherapy, 25, 203-207.

Brown, S. & Shapiro, F. (2006).  L’EMDR nel trattamento del disturbo borderline della personalità. Clinical Case Studies, 5, 403-420.

Capps, F. (2006). Combinare la desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari e la Gestalt Technique nelle consulenze di coppia. Family Journal: Counseling and Therapy for Couples and Families, 14(1), 49.

Carbone, D. J. (2008).  Trattamento di un paziente omosessuale affetto da disturbo post traumatico da stress dovuto ad ostracismo sociale e derisione: gli approcci della terapia cognitivo-comportamentale e della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari.  Archives of Sexual Behavior, 37, 305–316.

Carlson, J. G., Chemtob, C. M., Rusnak, K., & Hedlund, N. L. (1996). Trattamento con desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari del DPTS da guerra. Psychotherapy, 33, 104-113.

Carlson, J. G., Chemtob, C. M., Rusnak, K., Hedlund, N. L., & Muraoka, M. Y. (1998). Trattamento con desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari del disturbo post traumatico da stress dovuto alla guerra. Journal of Traumatic Stress, 11(1), 3-24.

Chemali, Z. & Meadows, M. (2004). L’uso della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari nel trattamento delle crisi psicogene. Epilepsy & Behavior, 5, 784-787.

Chambless, D. L., Baker, M. J., Baucom, D. H., Beutler, L. E., Calhoun, K. S., Crits-Christoph, P., et al. (1998). Aggiornamento sulle terapie empiricamente supportate. The Clinical Psychologist, 51, 3-16.

Chemtob, C. M., Nakashima, J. Hamada, R. S., & Carlson, J. G. (2002). Breve trattamento di bambini della scuola elementare con disturbo post traumatico da stress dovuto a catastrofi: osservazione sul campo. Journal of Clinical Psychology, 58, 99-112.

Cocco, N. & Sharpe, L. (1993). Una variante uditiva della desensibilizzazione tramite movimenti oculari in un caso di disturbo post traumatico da stress infantile. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 24, 373-377.

Cohen, A. (2009). Trattamento del disturbo dissociativo tramite EMDR durante interruzioni dovute alla guerra: l’integrazione dell’EMDR con la terapia via mail. Journal of EMDR Practice and Research, 3, 50-56.

Cohn, L. (1993). Psicoterapia artistica e il nuovo metodo della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR), un approccio integrato. In E. Dishup (Ed.), California Art Therapy Trends (pp. 275-290). Chicago, IL: Magnolia Street Publisher.

Colelli, G., & Patterson, B. (2008). Resoconto di tre casi che illustrano l’uso del protocollo per il trattamento di eventi traumatici recenti che hanno seguito l’attacco terroristico al World Trade Center. Journal of EMDR Practice and Research, 2, 114-123.

Cox, R. P., & Howard, M. D. (2007). L’utilizzo dell’EMDR nel trattamento della dipendenza sessuale: un caso di studio.  Sexual Addiction & Compulsivity, 14(1), 1.

Crabbe, B. (1996, November). La terapia del movimento oculare può migliorare la tua performance? Dressage Today, 28-33.

CREST (2003). The management of post traumatic stress disorder in adults. (tr. la gestione del disturbo post traumatico da stress negli adulti). Una pubblicazione del Support Team della Clinical Resource Efficiency del Northern Ireland Department of Health, Social Services and Public Safety, Belfast.

Daniels, N., Lipke, H., Richardson, R., & Silver, S. (1992, October). Il programma di trattamento con desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari  dei veterani della guerra in Vietnam. Simposio presentato alla convention annuale della International Society for Traumatic Stress Studies, Los Angeles, CA.

Datta, P. C. & Wallace, J. (1994, May). Trattamento dei traumi sessuali dei colpevoli di aggressioni con l’utilizzo della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari. Resoconto presentato al  11th Annual Symposium in Forensic Psychology, San Francisco.

Datta, P. C. & Wallace, J. (1996, November). Miglioramento dell’empatia con le vittime e delle cognizioni positive e diminuzione dell’ansia nei colpevoli di aggressioni sessuali in seguito al trattamento EMDR. Resoconto presentato all’EMDR Special Interest Group alla Convention Annuale dell’Advancement of Behavior Therapy, New York.

de Jongh, A. (2012). Trattamento di una donna affetta da ematofobia: un approccio centrato sul trauma.  Mental Illness, 4:e3, 10-14.

de Jongh, A., Holmshaw, M., Carswell, W., & van Wijk, A. (2010). L’utilità dell’approccio del trattamento centrato sul trauma nella cura della paura di viaggiare.  Clin Psychol Psychother. DOI: 10.1002/cpp.680

de Jongh, A. & Ten Broeke, E. (1998). Trattamento della paura di soffocare tramite l’utilizzo dell’EMDR per i ricordi traumatici: un caso di studio. Clinical Psychology & Psychotherapy, 5, 264-269.

de Jongh, A., Ten Broeke, E., and Renssen, M. R. (1999). Il trattamento di fobie specifiche con la desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR): protocollo, status empirico e questioni concettuali. Journal of Anxiety Disorders, 13, 69-85.

de Jongh, A., van den Oord, H. J. M., & Ten Broeke, E. (2002).  L’efficacia della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) nel trattamento di fobie specifiche: quattro studi singoli di fobia dentale. Journal of Clinical Psychology, 58, 1489-1503.

Department of Veterans Affairs & Department of Defense (2004). VA/DoD Clinical Practice Guideline for the Management of Post-Traumatic Stress (tr. Affari dei Veterani/Ministero della Difesa. Linee guida di clinica pratica per la gestione del Disturbo Post Traumatico da Stress). Washington, DC: Veterans Health Administration, Department of Veterans Affairs and Health Affairs, Department of Defense. Office of Quality and Performance publication 10Q-CPG/PTSD-04.

de Roos, C., & de Jongh, A. (2008). Il trattamento EMDR per bambini e adolescenti affetti dalla paura di soffocare. Journal of EMDR Practice and Research, 2, 201-211.

de Roos, C., Veenstra, A.C, et al. (2010). Trattamento del dolore dovuto alla sindrome cronica dell’arto fantasma usando un approccio psicologico centrato sul trauma. Pain Research and Management, 15, 65-71.

Doctor, R. (1994, March). Desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: un esame clinico sui disturbi d’ansia. Resoconto presentato al quattordicesimo meeting annuale della Anxiety Disorders Association of America, Santa Monica, CA.

Dyregrov, A. (1993). EMDR-nymetode for tramebehandling. Tidsskrift for Norsk Psykologforening, 30, 975-981.

Dziegielewski, S. & Wolfe, P. (2000).  Desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) come trattamento limitato nel tempo del disturbo dell’immagine corporea e dell’autostima: progetto per un caso di studio di un unico soggetto. Journal of Psychotherapy in Independent Practice, 1, 1-16.

Edmond, T., Rubin, A., & Wambach, K. G. (1999). L’efficacia dell’EMDR nel trattamento di donne adulte sopravvissute ad abusi sessuali infantili. Social Work Research, 23, 103-116.

Errebo, N., & Sommers-Flanagan, R. (2007). EMDR e terapia di coppia centrata sull’emozione per coppie di veterani di guerra. In F. Shapiro, F. W. Kaslow & L. Maxfield (Eds.), Handbook of EMDR and family therapy processes. Hoboken, N.J.: Wiley.

Farrell, D.P., Dworkin, M., Keenan, P. & Spierings, J. (2010). L’uso dell’EMDR per il trattamento di pazienti sopravvissuti ad abusi sessuali da parte di preti cattolici.  Journal of EMDR Practice and Research, 4,124-133.

Farrell, D.P., Keenan, P.S., Wajid Ali, M., Bilal, S. M., Tareen, S.M., Keenan, L.  & Rana, M.H.  (2011). Formazione in EMDR degli addetti alla salute mentale in Pakistan in seguito al terremoto del 2005 in Nord Pakistan, Counselling Psychology Quarterly,DOI:10.1080/09515070.2011.589599

Fensterheim, H. (1996). Desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari e patologie complesse della personalità: una terapia integrativa. Journal of Psychotherapy Integration, 6, 27-38.

Fernandez, I. (2007). L’EMDR come trattamento delle reazioni post traumatiche: uno studio sul campo con bambini vittime di un terremoto. Educational and Child Psychology. Special Issue: Therapy24, 65-72.

Fernandez, I. (2008). L’EMDR dopo un incidente critico: trattamento dei sopravvissuti a uno tsunami affetti da disturbo post traumatico da stress acuto. Journal of EMDR Practice and Research, 2(2), 156-159.

Fernandez, I., & Faretta, E. (2007). L’EMDR nel trattamento dei disturbi da panico con agorafobia Clinical Case Studies, 6, 44-63.

Fernandez, I., Gallinari, E., & Lorenzetti, A. (2004). Un intervento EMDR in una scuola su bambini che avevano assistito all’incidente aereo del grattacielo Pirelli a Milano. Journal of Brief Therapy, 2,129-136.

Feske, U. & Goldstein, A. (1997). Il trattamento di desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari del disturbo da panico: uno studio dei risultati e un parziale studio di smantellamento.  Journal of Consulting and Clinical Psychology, 36, 1026-1035.

Fine, C. G. (1994, June). Desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) per i disturbi dissociativi. Presentazione alla Eastern Regional Conference on Abuse and Multiple Personality. Alexandria, VA.

Fine, C. & Berkowitz, A. (2001). Il protocollo a spirale: l’accostamento e sovrapposizione dell’ipnosi e dell’EMDR nel trattamento dei disturbi d’identità dissociate e di altre risposte dissociative. American Journal of Clinical Hypnosis, 43, 275-290.

Foa, E.B., Keane, T.M., Friedman, M.J., & Cohen, J.A. (2009). Effective treatments for PTSDPractice Guidelines of the International Society for Traumatic Stress Studies (tr. Trattamenti efficaci del DPTS: linee guida pratiche dell’International Society for Traumatic Stress Studies) New York: Guilford Press.

Forbes, D., Creamer, M., & Rycroft, P. (1994). Desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari per il disturbo post traumatico da stress: uno studio pilota con utilizzo di misure di valutazione. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 25, 113-120.

Foster, S. & Lendl, J. (1995). Desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: applicazioni iniziali per il miglioramento della performance degli atleti. Journal of Applied Sport Psychology, 7 (Supplement),63.

Foster, S. & Lendl, J. (1996). Desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: quattro casi di un nuovo strumento per l’Executive Coaching e per il recupero della performance degli impiegati in seguito ad una battuta d’arresto. Consulting Psychology Journal, 48, 155-161.

Friedberg, F. (2004). Desensibilizzazione tramite movimenti oculari nella fibromialgia: uno studio pilota. Complementary Therapies in Nursing and Midwidery, 10,  245-249.

Gattinara, P.C. (2009). L’uso dell’EMDR per malattie croniche incapacitanti: l’esperienza di un centro per le malattie neuromuscolari. Journal of EMDR Practice and Research, 3, 169-177

Gauvreau, P., & Bouchard, S. P. (2008). Prove preliminari dell’efficacia dell’EMDR nel trattamento del disturbo d’ansia generalizzata. Journal of EMDR Practice and Research, 2, 26-40.

Gelbach, R. (2008). Trauma, ricerca e EMDR: la lista dei desideri di una vittima di una catastrofe. Journal of EMDR Practice and Research, 2, 146-155.

Gelinas, D. J. (2003). Integrare l’EMDR e il trattamento “phase-oriented” del trauma. Journal of Trauma and Dissociation, 4, 91-135.

Goldstein, A. (1992, August). Trattamento del panico e dell’agorafobia tramite EMDR: dati preliminari dell’Agoraphobia and Anxiety Treatment Center, Temple University. Rapporto presentato al Fourth World Congress on Behavior Therapy, Queensland, Australia.

Goldstein, A. J., de Beurs, E., Chambless, D. L., & Wilson, K. A. (2000). EMDR per il disturbo da panico con agorafobia: comparazione tra la lista di attesa e una condizione di controllo con un credibile placebo dell’attenzione. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 68, 947-956.

Goldstein, A. & Feske, U. (1994). Desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari per il disturbo da panico: una serie di casi. Journal of Anxiety Disorders, 8, 351-362.

Gomez, A. (2008, September). Oltre il DPTS: il trattamento della depressione nei bambini e negli adolescenti tramite EMDR. Rapporto presentato al meeting annuale della EMDR International Association, Phoenix, AZ.

Graham, L ( 2004).  Esperienze di nuoto traumatiche rielaborate tramite EMDR. www.Thesportjournal.org , 7 (1)1-5.

Grainger, R. D., Levin, C., Allen-Byrd, L., Doctor, R. M., & Lee, H. (1997). Una valutazione empirica della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) applicata a pazienti sopravvissuti a disastri naturali. Journal of Traumatic Stress, 10, 665-671.

Grant, M. (1999). Pain control with EMDR. (tr. il controllo del dolore tramite l’EMDR) New Hope, PA: EMDR Humanitarian Assistance Program.

Grant, M., & Threlfo, C. (2002). L’EMDR nel trattamento del dolore cronico. Journal of Clinical Psychology, 58, 1505-1520.

Greenwald, R. (1994). L’applicazione della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari  al trattamento dei bambini traumatizzati: cinque casi di studio. Anxiety Disorders Practice Journal, 1, 83-97.

Greenwald, R. (1999). Eye movement desensitization and reprocessing (EMDR) in child and adolescent psychotherapy (tr. Desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) nella psicoterapia di bambini e adolescenti). New Jersey, Jason Aronson Press.

Greenwald, R. (1998). Desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR): una nuova speranza per i bambini che soffrono per traumi e perdite.  Clinical Child Psychology and Psychiatry, 3, 279-287.

Greenwald, R. (2000).  Un approccio terapeutico individuale centrato sul trauma per gli adolescenti con disturbi della condotta. International Journal of Offender Therapy and Comparative Criminology, 44, 146-163.

Greenwald, R. (2002). Terapia Motivation-adaptive skills-trauma resolution (MASTR) per adolescenti con problemi della condotta: uno studio in aperto. Journal of Aggression, Maltreatment, and Trauma, 6,237-261.

Grey, E. (2011). Uno studio pilota sull’EMDR concentrato: un breve resoconto. Journal of EMDR Practice and Research, 5, 14-24.

Gros, D. F., & Antony, M. M. (2006). La valutazione e il trattamento di fobie specifiche: un esame. Current Psychiatry Reports, 8, 298-303.

Gupta, M., & Gupta, A. (2002). L’uso della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari  (EMDR) nel trattamento di disturbi dermatologici. Journal of Cutaneous Medicine and Surgery, 6, 415-421.

Hase, M., Schallmayer, S., & Sack, M. (2008). L’elaborazione tramite EMDR del ricordo della dipendenza: pre e post trattamento e a distanza di un mese. Journal of EMDR Practice and Research, 2(3), 170-179.

Hassard, A. (1993). Desensibilizzazione tramite movimenti oculari dell’immagine corporea. Behavioural Psychotherapy, 21, 157-160.

Henry, S. L. (1996). Scommettitori patologici: considerazioni sulle cause e sull’efficacia del trattamento di desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari. Journal of Gambling Studies, 12, 395-405.

Hensel, T. (2006). Effektivität von EMDR bei psychisch traumatisierten Kindern und Jugendlichen. [L’efficacia dell’EMDR su bambini e adolescenti psicologicamente traumatizzati]. Kindheit und Entwicklung, 15(2), 107.

Hensel, T. (2009). L’uso dell’EMDR su bambini e adolescenti in seguito a un trauma dovuto a un unico incidente: uno studio d’intervento. Journal of EMDR Practice and Research, 3, 2-9.

Hogan, W. A. (2001, August). Gli effetti comparati della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari  (EMDR) e della terapia cognitivo-comportamentale nel trattamento della depressione. Indiana State University. AAT 3004753.

Hogberg, G., Pagani, M., Sundin, O., Soares, J., Aberg-Wistedt, A., Tarnell, B., et al. (2007). Sul trattamento con desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari  del disturbo post traumatico da stress cronico nei dipendenti dei trasporti pubblici: uno studio randomizzato controllato. Nordic Journal of Psychiatry, 61(1), 54-61.

Howard, M. D., & Cox, R. P. (2006). L’uso dell’EMDR nel trattamento della paura dell’acqua nel centro d’addestramento della Marina: un caso di studio. Traumatology, 12, 302-313.

Hyer, L. (1995). L’uso dell’EMDR su un sopravvissuto a un DPTS “demente”. Clinical Gerontologist, 16, 70-73.

Inoue, N. (2009). Valutazione dei risultati del trattamento EMDR utilizzando Rorscach, TAT e IES-R: un caso di studio di un sopravvissuto a un trauma causato dall’uomo. Rorschachiana30, 180-218.

INSERM (2004). Psychotherapy: An evaluation of three approaches. (tr. Psicoterapia: una vautazione di tre approcci) French National Institute of Health and Medical Research, Paris, France.

Ironson, G. I., Freund, B., Strauss, J. L., & Williams, J. (2002). Comparazione tra due trattamenti dello stress traumatico: uno studio pilota sull’EMDR e l’esposizione prolungata. Journal of Clinical Psychology, 58, 113-128.

Jaberghaderi, N., Greenwald, R., Rubin, A., Dolatabadim, S., & Zand, S. O. (2004). Una comparazione tra Terapia Cognitivo-Comportamentale e EMDR su ragazze iraniane che hanno subito abusi sessuali. Clinical Psychology and Psychotherapy,11, 358-368.

Jarero, I., & Artigas, L. (2010). Il protocollo di trattamento del gruppo integrativo di EMDR: applicazione su adulti durante crisi geopolitiche. Journal of EMDR Practice and Research4, 148-155.

Jarero, I., Artigas, L., & Hartung, J. (2006). Il protocollo di trattamento del gruppo integrativo di EMDR: un intervento per adulti e bambini vittime di traumi dovuti a catastrofi. Traumatology, 12(2), 121-129.

Jarero, I., Artigas, L., Mauer, M., Lopez Cano, T., & Alcala, N. (1999, November). Stress post traumatico nei bambini in seguito a disastri naturali: protocollo di trattamento integrativo. Presentazione fatta al meeting annuale della International Society for Traumatic Stress Studies, Miami, FL.

Jayatunge, R. M. (2008). Combattere gli tsunami con l’EMDR. Journal of EMDR Practice and Research, 2(2), 140-145.

Jensma, J. (1999). Interventi dei missionari in seguito ad incidenti critici: un approccio completo. Journal of Psychology & Theology, 27,130-138.

Johnson, K. (1998). Trauma in the Lives of Children (tr. I traumi nelle vite dei bambini). Alemeda, CA: Hunter House.

Kaslow, F. W., Nurse, A. R., & Thompson, P. (2002). L’EMDR e la terapia della famiglia. In F. Shapiro (Ed.), EMDR as an integrative psychotherapy approach: Experts of diverse orientations explore the paradigm prism (pp. 289-318). Washington, DC: American Psychological Association.

Keenan, P. & Farrell, D. (2000). Il trattamento della gelosia morbosa con la desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari intrecciata alla terapia cognitiva: report di un caso. Counselling Psychology Quarterly, 13, 175-189.

Kelley, S. D. M., & Selim, B. (2007). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari nel trattamento psicologico delle crisi psicogene non epilettiche dovute a traumi.  Clinical Psychology and Psychotherapy, 14(2), 135.

Kim, D., & Choi, J. (2004). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari  per i disturbi da stress estremo: report di un caso. Journal of the Korean Neuropsychiatric Association, 43(6), 760-763. (Korean)

Kitchiner N.J.  (1999). Liberare la mente in trappola: Salute Forense Pratica. Mental Health Care, 21, 12, p420-424.

Kitchiner N.J.  (2000).  L’uso della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) per il trattamento del disturbo post traumatico da stress in prigione.  British Journal of Community Nursing, 5, 1, 26-31.

Kitchiner N.J. (2004). Trattamento psicologico con terapia di desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) di tre pompieri affetti da disturbo post traumatico da stress Journal of Complimentary Therapy, 10, 186-193.

Kitchiner, N. & Aylard, P. (2002). Trattamento psicologico del disturbo post traumatico da stress: studio di un caso singolo di un agente di polizia inglese. Mental Health Practice, 5, 34-38.

Kleinknecht, R. A. (1993). Trattamento rapido delle fobie legate al sangue e alle iniezioni con la desensibilizzazione tramite movimenti oculari. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 24, 211-217.

Kleinknecht, R. A. & Morgan, M.P. (1992). Trattamento del disturbo post traumatico da stress con la desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 23, 43-50.

Kneff, J. C. & Krebs, K. (2004). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari  (EMDR): un’altra utile tecnica mentale e fisica per trattare i problemi gastrointestinali. Gastroenterology Nursing, 27(6), 286-287.

Knipe, J., Hartung, J., Konuk, E., Colleli, G., Keller, M., & Rogers, S. (2003, September). Programmi di Assistenza Umanitaria con EMDR: risultati della ricerca, modelli di formazione e diffusione del servizio a New York, in America Latina, Turchia e Indonesia. Simposio presentato al meeting annuale dell’ EMDR International Association, Denver, CO.

Koedam, W. S. (2007). Traumi sessuali in matrimoni disfunzionali: integrare la terapia strutturale e l’EMDR. In F. Shapiro, F. W. Kaslow & L. Maxfield (Eds.), Handbook of EMDR and family therapy processes (pp. p. 223-242). Hoboken, N.J.: Wiley.

Konuk, E., Knipe, J., Eke, I., Yuksek, H., Yurtsever, A., & Ostep, S. (2006). Gli effetti della terapia di desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) su pazienti affetti da disturbo post traumatico da stress in seguito al terremoto del 1999 in Marmara, Turchia. International Journal of Stress Management, 13(3), 291.

Korkmazler-Oral, U. & Pamuk, S. (2002). Gruppi di EMDR nel trattamento di bambini sopravvissuti al terremoto in Turchia. Association for Child Psychiatry and Psychology, Occasional Paper No. 19, 47-50.

Korn, D. L. & Leeds, A. M. (2002). Prove preliminari dell’efficacia dell’EMDR nello sviluppo e impianto delle risorse, durante la fase di stabilizzazione del trattamento di disturbi post traumatici da stress complessi. Journal of Clinical Psychology, 58, 1465-1487.

Kowal, J. A. (2005). Analisi QEEG del trattamento  tramite EMDR di DPTS e bulimia nervosa. Journal of Neurotherapy, 9(Part 4), 114-115.

Knudsen, N. (2007). L’integrazione dell’EMDR e della teoria di Bowen nel trattamento di disfunzioni relazionali croniche. In F. Shapiro, F. W. Kaslow & L. Maxfield (Eds.), Handbook of EMDR and family therapy processes (pp. p. 169-186). Hoboken, N.J.: Wiley.

Kraft, S., Schepker, R., Goldbeck, L., & Fegert, J. M. (2006). Behandlung der posttraumatischen Belastungsstörung bei Kindern und Jugendlichen. Eine Übersicht empirischer Wirksamkeitsstudien. [Trattamento del disturbo post traumatico da stress nei bambini e negli adolescenti: un’analisi dei risultati degli studi]. Nervenheilkunde: Zeitschrift für interdisziplinaere Fortbildung., 25(9), 709.

Kutz, I., Resnik, V., & Dekel, R. (2008). L’effetto di un’unica sessione di EMDR modificato per sindromi da stress acuto. Journal of EMDR Practice and Research, 2(3), 190-200.

Lansing, K., Amen, D. G., Hanks, C., & Rudy, L. (2005). SPECT imaging celebrale ad alta risoluzione e desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari su ufficiali di polizia affetti da DPTS. The Journal of Neuropsychiatry and Clinical Neurosciences, 17(4), 526-532.

Laub, B. & Weiner, N. (2011). Una prospettiva di sviluppo ed integrativa sul protocollo per gli episodi traumatici recenti.  Journal of EMDR Practice and Research, 5, 57-72.

Lazrove, S. (1994, November). L’integrazione tramite EMDR di ricordi traumatici frammentati e dissociati. Resoconto presentato al decimo meeting annuale della International Society for Traumatic Stress Studies, Chicago, IL.

Lazrove, S. & Fine, C.G. (1996). L’uso dell’EMDR in pazienti affetti da disturbi dissociativi dell’identità. T Dissociation, 9, 289-299.

Lazrove, S., Triffleman, E., Kite, L., McGlasshan, T., & Rounsaville, B. (1998). Uno studio in aperto dell’EMDR come trattamento per il DPTS cronico. American Journal of Orthopsychiatry, 69¸ 601–608.

Lee, C., Gavriel, H., Drummond, P., Richards, J., & Greenwald, R. (2002). Il trattamento del DPTS: training nell’inoculazione dello stress con esposizioni prolungate comparato con l’EMDR. Journal of Clinical Psychology, 58, 1071-1089.

Levin, C. (July/Aug. 1993). L’enigma dell’EMDR. Family Therapy Networker, 75-83.

Lipke, H. (2000). EMDR and psychotherapy integration: Theoretical and clinical suggestions with focus on traumatic stress. (tr. EMDR e integrazione psicoterapeutica: proposte teoriche e cliniche incentrate sullo stress traumatico) New York: CRC Press.

Lipke, H. & Botkin, A. (1992). Breve caso di studio sull’uso della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari per il disturbo post traumatico da stress cronico. Psychotherapy, 29, 591-595.

Lovett, J. (1999). Small wonders: Healing childhood trauma with EMDR. (tr. Piccole meraviglie: guarire i traumi infantili con l’EMDR) NY: The Free Press.

Madrid, A., Skolek, S., & Shapiro, F. (2006). Riparare i fallimenti nel creare legami grazie all’EMDR. Clinical Case Studies. 5, 271-286.

Manfield, P. (Ed.). (1998a). Extending EMDR. (tr. Estendere l’EMDR) New York: Norton.

Manfield, P. (1998b). Riempire il vuoto: risolvere la depressione aggravata. In P. Manfield (Ed.), Extending EMDR: A casebook of innovative applications, (1st ed.) (pp. 113-137). New York: W. W. Norton. xii, 292 pp.

Manfield, P. & Shapiro, F. (2003). The application of EMDR to the treatment of personality disorders (tr. L’applicazione dell’EMDR nel trattamento dei disturbi della personalità). In J. F. Magnavita (Ed.) Handbook of Personality: Theory and Practice. New York: Wiley.

Marcus, S. V. (2008). Fase 1 dell’EMDR integrato: un trattamento abortivo delle emicranie. Journal of EMDR Practice and Research, 2, 15-25.

Marcus, S. V., Marquis, P., & Saki, C. (1997). Studio controllato del trattamento del DPTS tramite EMDR in un contesto dell’HMO (Health Maintenance Organization). Psychotherapy, 34, 307-315.

Marich, J. (2009). L’EMDR nel processo continuativo della cura delle dipendenze: studio di un caso di trattamento e guarigione di una donna “cross-addicted”. Journal of EMDR Practice and Research, 3, 98-106.

Marquis, J. N. (1991). Resoconto di 78 casi di pazienti trattati con desensibilizzazione tramite movimenti oculari. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 22, 187-192.

Marquis, J. N., and Puk, G. (1994, November). Disturbo dissociativo dell’identità: le prospettive cognitivo-comportamentale e del senso comune. Rapporto presentato al meeting annuale dell’ Association for Advancement of Behavior Therapy, San Diego, CA.

Marr, J. (2012). Trattamento EMDR del disturbo ossessivo-compulsivo: una ricerca preliminare. Journal of EMDR Practice and Research, 6, 2-15.

Maxfield, L. (2007). Trattamento integrativo delle vittime di abusi sessuali infantili da parte di famigliari. In F. Shapiro, F. W. Kaslow & L. Maxfield (Eds.), Handbook of EMDR and family therapy processes (pp. p. 344-364). Hoboken, N.J.: Wiley.

Maxfield, L. & Melnyk, W. T.  (2000). Trattamento in un’unica sessione dell’ansia da test con la desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) International Journal of Stress Management, 7, 87-10.

Maxwell, J.P. (2003). L’imprint dell’abuso infantile fisico e emotivo: un caso di studio sull’uso dell’EMDR per risolvere l’ansia e la mancanza di autostima. Journal of Family Violence, 18, 281-293.

Mazzola, A., Calcagno, M.L., Goicochea, M.T., Pueyrredòn, H., Leston, J.  & Salvat, F. (2009).  L’EMDR per il trattamento del dolore cronico.  Journal of EMDR Practice and Research, 3, 66-79.

McCann, D.L. (1992). Disturbo post traumatico da stress dovuto a bruciature devastanti superato in un’unica sessione di desensibilizzazione tramite movimenti oculari. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 23, 319-323.

McCullough, L. (2002). Esplorare i meccanismi di cambiamento nell’EMDR applicato ai traumi “con la t minuscola” in una psicoterapia dinamica a breve termine: domande e speculazioni della ricerca.  Journal of Clinical Psychology, 58, 1465-1487.

McGoldrick, T., Begum, M., & Brown, K. W. (2008). L’EMDR e la sindrome da riferimento olfattivo: una serie di casi. Journal of EMDR Practice and Research, 2, 63-68.

McLaughlin, D. F., McGowan, I. W., Paterson, M. C., & Miller, P. W. (2008). Cessazione dell’autolesionismo volontario in seguito alla desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: report di un caso. Cases J, 1(1), 177.

McNally, V.J. & Solomon, R.M. (1999). Il programma della FBI per la gestione dello stress dovuto a incidenti critici. FBI Law Enforcement Bulletin, February, 20-26.

Mevissen, L., & de Jongh, A. (2010). Il DPTS e il suo trattamento in persone affette da disabilità intellettuali: un esame degli articoli. Clin Psychol Rev30, 308-16.

Mevissen, L., Lievegoed, R., & de Jongh, A. (2010). Il trattamento EMDR per persone affette da disabilità intellettuali non gravi e DPTS: quattro casi. Psychiatric Quarterly82, 43–57.

Mevissen, L., Lievegoed, R., Seubert, A., & de Jongh, A. (2011). Le persone con disabilità intellettuali o capacità verbali limitate rispondono al trattamento del trauma? Journal of Intellectual & Developmental Disability, 36, 278–283.

Moses, M. (2007). Migliorare l’affiatamento: terapia di coppia. In F. Shapiro, F. W. Kaslow & L. Maxfield (Eds.), Handbook of EMDR and family therapy processes (pp. p. 146-168). Hoboken, N.J.: Wiley.

Muris, P. & Merckelbach, H. (1997). Trattamento dell’aracnofobia con la desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: uno studio controllato. Behavioral and Cognitive Psychotherapy, 25, 39-50.

Muris, P., Merkelbach, H., Holdrinet, I., & Sijenaar, M. (1998). Il trattamento dei bambini affetti da fobie: gli effetti dell’EMDR contro quelli dell’esposizione. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 66, 193-198.

Muris, P., Merckelbach, H., van Haaften, H., & Nayer, B. (1997). Desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari contro l’esposizione in vivo. British Journal of Psychiatry 171, 82-86.

Nadler, W. (1996). EMDR: trattamento rapido del disturbo da panico. International Journal of Psychiatry, 2, 1-8.

National Institute for Clinical Excellence (2005). Post traumatic stress disorder (PTSD): The management of adults and children in primary and secondary care. (tr. Disturbo post traumatico da stress (DPTS): la gestione in adulti e bambini nella cura primaria e secondaria) London: NICE Guidelines.

Nazari, H., Momeni, N., Jariani, M., & Tarrahi, M. J. (2011). Comparazione tra la desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari e il citalopram nel trattamento del disturbo ossessivo-compulsivo. International Journal of Psychiatry in Clinical Practice, 15, 270-4.

Newgent, R. A., Paladino, D. A., & Reynolds, C. A. (2006). Trattamento in un’unica sessione della paura non traumatica di volare con la desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari : prima e dopo l’11 Settembre. Clinical Case Studies, 5(1), 25-36.

O’Brien, E. (Nov./Dec. 1993). Premere il pulsante del panico. Family Therapy Networker, 75-83.

Oras, R., de Ezpeleta, S. & Ahmad, A. (2004). Trattamento con desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari di bambini rifugiati traumatizzati. Nordic Journal of Psychiatry, 58, 1999-203.

Page, A. C. & Crino, R. D. (1993). La desensibilizzazione tramite movimenti oculari: un trattamento semplice del disturbo post traumatico da stress. Australian and New Zealand Journal of Psychiatry, 27, 288-293.

Parnell, L. (1994, August). Trattamento tramite EMDR di vittime sopravvissute ad abusi sessuali: report di due casi. Resoconto presentato al centoduesimo meeting dell’American Psychological Association, Los Angeles.

Parnell, L. (1996). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) e la fioritura spirituale. The Journal of Transpersonal Psychology, 28, 129-153.

Parnell, L. (1997). Transforming Trauma: EMDR. (tr. Trasformare il trauma: EMDR) New York: Norton.

Parnell, L. (1999). EMDR in the treatment of adults abused as children. (tr. L’EMDR per il trattamento di adulti abusati da bambini) New York: Norton.

Paulsen, S. (1995). Desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: il suo uso nei disturbi dissociativi.  Dissociation, 8, 32-44

Pellicer, X. (1993). Trattamento con desensibilizzazione tramite movimenti oculari degli incubi infantili: report di un caso. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 24, 73-75.

Phillips, K. M., Freund, B., Fordiani, J., Kuhn, R., & Ironson, G. (2009). Trattamento EMDR di passate violenze domestiche: un aneddoto clinico. Journal of EMDR Practice and Research, 3, 192-197.

Pollock, P. (2000). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) per il disturbo post traumatico da stress (DPTS) in seguito a un omicidio. Journal of Forensic Psychiatry, 11, 176-184.

Popky, A. J. (2005). DeTUR, un protocollo d’urgenza per la riduzione delle dipendenze e dei comportamenti disfunzionali. In R. Shapiro (Ed.), EMDR solutions: pathways to healing (pp. 167-188). New York: W. W. Norton.

Posmontier, B., Dovydaitis, T., & Lipman, K. (2010). Violenza sessuale: guarigione psichiatrica grazie alla desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari. Health Care Women Int, 31, 755-68.

Power, K. G., McGoldrick, T., Brown, K., Buchanan, R., Sharp, D., Swanson, V., & Karatzias, A. (2002). Una comparazione controllata tra la desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari, l’esposizione con ricostruzione cognitiva e la lista d’attesa nel trattamento del disturbo post traumatico da stress. Journal of Clinical Psychology and Psychotherapy, 9, 299-318.

Protinsky, H., Sparks, J., & Flemke, K. (2001a). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: applicazioni cliniche innovative. Journal of Contemporary Psychotherapy, 31, 125-135.

Protinsky, H., Sparks, J., & Flemke, K. (2001b). L’uso della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari per migliorare il trattamento delle coppie. Journal of Marital & Family Therapy, 27, 157-164.

Puffer, M. K., Greenwald, R., & Elrod, D. E. (1998). Studio di un’unica sessione di EMDR con venti bambini e adolescenti traumatizzati. Traumatology, 3 (2).

Puk, G. (1991a). Trattare i ricordi traumatici: report di un caso di procedura di desensibilizzazione tramite movimenti oculari. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 22, 149-151.

Puk, G. (1991b, November). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: trattamento di un caso più complesso, disturbo borderline della personalità. Resoconto presentato al meeting annuale dell’Association for Advancement of Behavior Therapy, New York.

Puk, G. (1992, May). L’uso della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari per traumi dovuti ad incidenti di motoveicoli. Resoconto presentato all’ottavo meeting annuale dell’ American College of Forensic Psychology, San Francisco.

Raboni, M. R., Tufik, S., & Suchecki, D. (2006). Il trattamento del DPTS con desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) migliora la qualità del sonno, della vita e la percezione dello stress. Annals of the New York Academy of Sciences, 1071, 508-513.

Ray, A. L. & Zbik, A. (2001). Terapie cognitivo-comportamentali e oltre. In C. D. Tollison, J. R. Satterhwaite, & J. W. Tollison (Eds.) Practical Pain Management (3rd ed.; pp. 189-208). Philadelphia: Lippincott.

Reicherzer, S. (2011). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari nella consulenza di una coppia maschile. Journal of EMDR Practice and Research5, 111-120.

Renfrey, G. & Spates, C. R. (1994). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: una parziale procedura di smantellamento. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 25, 231-239.

Ribchester, T., Yule, W., & Duncan, A. (2010). L’EMDR per il DPTS infantile dovuto ad incidenti causati dal traffico: processo dell’attenzione, della memoria e dell’attribuzione. Journal of EMDR Practice and Research,4(4), 138-147.

Ricci, R. J. (2006). Risoluzione del trauma di colpevoli di aggressioni sessuali incestuose con l’utilizzo della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: un caso di studio strumentale. Clinical Case Studies, 5(3), 248.

Ricci, R. J., Clayton, C. A., & Shapiro, F. (2006). Alcuni effetti del trattamento EMDR su molestatori di bambini precedentemente abusati. Considerazioni teoriche e prime scoperte. Journal of Forensic Psychiatry and Psychology, 17, 538-562.

Rittenhouse, J. (2000). L’uso della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari  per il trattamento di un DPTS complesso in un paziente birazziale. Cultural Diversity & Ethnic Minority Psychology, 6, 399-408.

Rodenburg, R., Benjamin, A., Meijer, A.M. & Jongeneel, R. (in press). Desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari in un adolescente con epilessia e disabilità intellettuale non grave. Epilepsy & Behavior.

Rost, C., Hofmann, A. & Wheeler, K. (2009).  Il trattamento EMDR di traumi avvenuti sul lavoro. Journal of EMDR Practice and Research, 3, 80-90.

Royle, L. (2008). L’EMDR come trattamento terapeutico della sindrome da fatica cronica. Journal of EMDR Practice and Research, 2, 226-232.

Rothbaum, B. O. (1997). Uno studio controllato sulla desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari per il disturbo post traumatico da stress delle vittime di aggressioni sessuali. Bulletin of the Menninger Clinic, 61,317-334.

Rothbaum, B. O., Astin, M. C., & Marsteller, F. (2005). Esposizione controllata contro desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) per il DPTS delle vittime degli stupri. Journal of Traumatic Stress, 18(6), 607-616.

Rouanzoin, C. (1994, March). EMDR: disturbo dissociativo e di personalità multipla. Resoconto presentato al quattordicesimo meeting annuale dell’Anxiety Disorders Association of America, Santa Monica, CA.

Russell, A. & O’Connor, M. (2002). Interventi per la guarigione: l’uso dell’EMDR sui bambini, progetto per una comunità. Association for Child Psychiatry and Psychology, Occasional Paper No. 19, 43-46.

Russell, M. C. (2008). Sintomi legati alla guerra non spiegabili dal punto di vista medico, diffusione e trattamento: l’utilizzo dell’EMDR nel servizio militare. Journal of EMDR Practice and Research, 2(3), 212-225.

Russell, M.C. (2008). Il trattamento del dolore dovuto alla sindrome dell’arto fantasma in seguito ad amputazioni traumatiche. Clinical Case Studies 7, 136-153..

Russell, M. C. (2006). Trattare i disturbi da stress legati alla guerra: uno studio di casi multipli che utilizzano la desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) su feriti dei combattimenti in Iraq. War. Military Psychology, 18(1), 1.

Russell, M. C., Silver, S. M., Rogers, S., & Darnell, J. N. (2007). Rispondere a un bisogno identificato: un programma di formazione per terapisti, lanciato dal Dipartimento della Difesa insieme al Dipartimento degli Affari dei Veterani, per provvedere al trattamento del trauma con la desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari International Journal of Stress Management, 14(1), 61.

Sandstrom, M., Wiberg, B., Wikman, M., Willman, A. K., & Hogberg, U. (2008). Uno studio pilota dell’uso della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) per lo stress post traumatico post parto. Midwifery, 24, 62-73.

Scheck, M. M., Schaeffer, J. A., & Gillette, C. S. (1998). Breve intervento psicologico su una giovane donna traumatizzata: l’efficacia della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari Journal of Traumatic Stress, 11, 25-44.

Schneider, G., Nabavi, D., & Heuft, G. (2005). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari nel trattamento del disturbo post traumatico da stress di un paziente affetto da epilessia comorbida. Epilepsy & Behavior, 7(4), 715-718.

Schneider, J., Hofmann, A., Rost, C.,  & Shapiro, F. (2008).  L’EMDR nel trattamento del dolore cronico dovuto alla sindrome dell’arto fantasma. Pain Medicine. doi: 10.1111/j.1526-4637.2007.00299.x

Schneider, J., Hofmann, A., Rost, C., & Shapiro, F. (2007). EMDR e sindrome dell’arto fantasma: un caso di studio, implicazioni teoriche e linee guida per il trattamento.  Journal of EMDR Science and Practice, 1, 31-45.

Schurmans, K. (2007). Il trattamento EMDR della paura di soffocare. Journal of EMDR Practice & Research, 1, 118-121.

Seidler, G. H., & Wagner, F. E. (2006). Comparazione tra l’efficacia dell’EMDR e della terapia cognitivo-comportamentale centrata sul trauma nel trattamento del DPTS: uno studio meta analitico. Psychological Medicine, 1-8.

Shapiro, E. & Laub, B. (2008). Intervento Rapido con EMDR (EEI): un riassunto, il modello teorico e il protocollo per gli episodi traumatici recenti (R-TEP). Journal of EMDR Practice & Research, 2, 79-96.

Shapiro, F. (1989a). L’efficacia della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari nel trattamento di ricordi traumatici. Journal of Traumatic Stress. 2 (2), 199-223.

Shapiro, F. (1989b).  La desensibilizzazione tramite movimenti oculari: un nuovo trattamento del disturbo post traumatico da stress. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 20, 211-217.

Shapiro, F. (1991). La procedura della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: dall’EMD all’EMDR: un nuovo modello di trattamento dell’ansia e dei traumi connessi. Behavior Therapist, 14, 133-135.

Shapiro, F. (1994). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: un nuovo trattamento dell’ansia e dei traumi connessi. In Lee Hyer (Ed.), Trauma Victim: Theoretical and Practical Suggestions(pp. 501-521). Muncie, Indiana: Accelerated Development Publishers.

Shapiro, F. (1995). Eye movement desensitization and reprocessing: Basic principles, protocols and procedures (tr. La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: principi base, protocolli e procedure). New York: Guilford Press.

Shapiro, F. (1999). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) e i disturbi d’ansia: implicazioni cliniche e di ricerca di un trattamento psicoterapeutico integrato. Journal of Anxiety Disorders, 13, 35-67.

Shapiro, F., (2001). Eye movement desensitization and reprocessing: Basic principles, protocols and procedures (tr. La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: principi base, protocolli e procedure) (2nd ed.). New York: Guilford Press.

Shapiro, F. (2002). EMDR as an integrative psychotherapy approach: Experts of diverse orientations explore the paradigm prism. (tr. L’EMDR come approccio psicoterapeutico integrativo: esperti di diversi orientamenti esplorano il prisma del paradigma) Washington, DC: American Psychological Association Press.

Shapiro, F. (2006).  L’EMDR e nuove annotazioni sull’elaborazione adattabile delle informazioni: principi di formulazione del caso, scritti e appunti di lavoro. Camden, CT: EMDR Humanitarian Assistance Programs.

Shapiro, F. (2007). EMDR, elaborazione adattabile delle informazioni e concettualizzazione del caso. Journal of EMDR Practice and Research, 1, 68-87.

Shapiro, F. & Forrest, M. (1997). EMDR the breakthrough therapy for overcoming anxiety, stress and trauma. (tr. EMDR: la terapia di svolta per il superamento dell’ansia, dello stress e del trauma) New York: Basic Books.

Shapiro, F., Kaslow, F. W., & Maxfield, L. (2007). Handbook of EMDR and family therapy processes (tr. Manuale sui processi dell’EMDR e della terapia familiare). Hoboken, N.J.: Wiley.

Shapiro, F. & Solomon, R. (1995). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: elaborazione neurocognitiva delle informazioni. In G. Everley (Ed.), Innovations in disaster and trauma psychology, Vol. 1 (pp. 216-237). Elliot City, MD: Chevron Publishing.

Shapiro, F., Vogelmann-Sine, S., & Sine, L. (1994). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: il trattamento dei traumi e degli abusi di sostanze. Journal of Psychoactive Drugs, 26, 379-391.

Shusta-Hochberg, S. R. (2003). L’impatto del disastro del World Trade Center sulla pratica psicoterapeutica a Manhattan.  Journal of Trauma Practice, 2, 1-16.

Silver, S., & Rogers, S. (2001). Light in the heart of darkness: EMDR and the treatment of war and terrorism survivors. (tr. La luce nel cuore di tenebra: l’EMDR e il trattamento dei sopravvissuti alla guerra e al terrorismo) New York: Norton.

Silver, S. M., Rogers, S., Knipe, J., & Colelli, G. (2005). La terapia EMDR dopo l’attacco terroristico  dell’11 settembre: progetto di intervento in una comunità di New York. International Journal of Stress Management, 12(1), 29-42.

Silver, S. M., Rogers, S., & Russell, M. (2008). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) nel trattamento dei veterani di guerra. J Clin Psychol, 64(8), 947-957.

Softic, R. (2009). Kompletna remisija simptoma akutnog neratnog PSSP-a nakon jedne seanse EMDR – [Completa scomparsa dei sintomi del DPTS non acuto dovuto alla guerra dopo una sola sessione]. Acta Med Sal, 37, 147-150.

Snyder, M. (1996). Partner intimi: un contesto per il miglioramento della guarigione da un dolore emotivo. Women and Therapy, 19, 79-92.

Soberman, G. B., Greenwald, R., & Rule, D. L. (2002). Uno studio controllato della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) con dei ragazzi con problemi di condotta. Journal of Aggression, Maltreatment, and Trauma, 6, 217-236.

Solomon, R. M. (1994, June). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari per il trattamento del lutto. Resoconto presentato alla quarta International Conference on Grief and Bereavement in Contemporary Society, Stockholm, Sweden.

Solomon, R.M. (1995, February). Traumi dovuti ad incidenti critici: lezione imparata a Waco, Texas. Resoconto presentato alla Law Enforcement Psychology Conference, San Mateo, CA.

Solomon, R.M. (1998). L’utilizzo dell’EMDR negli interventi critici. Crisis Intervention ,4, 239-246.

Solomon, R. & Dyregrov, A. (2000). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR): ricostruire i mondi assunti. Tidsskrift for Norsk Psykologforening, 37, 1024-1030.

Solomon, R.M. & Kaufman, T. (1994, March). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: un’utile aggiunta ai protocolli di trattamento degli incidenti critici. Resoconto presentato al quattordicesimo meeting annuale dell’Anxiety Disorders Association of America, Santa Monica, CA.

Solomon, R. M. & Kaufman, T. E. (2002). Un support workshop alla pari per il trattamento dello stress traumatico dei dipendenti delle ferrovie: i contributi della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) Journal of Brief Therapy, 2, 27-33.

Solomon, R. M., & Rando, T. A. (2007). L’uso dell’EMDR nel trattamento del lutto e del cordoglio. Journal of EMDR Practice and Research, 1, 109-117.

Solomon, R. M., & Shapiro, F. (1997). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: uno strumento terapeutico utile per il trauma e il lutto. In C. R. Figley, B. E. Bride & N. Mazza (Eds.), Death and trauma: the traumatology of grieving (pp. 231-247). Washington, DC: Taylor & Francis.

Spates, R. C. & Burnette, M. M. (1995). Desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari: tre casi insoliti. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 26, 51-55.

Spector, J. & Huthwaite, M. (1993). La desensibilizzazione tramite movimenti oculari per superare il disturbo post traumatico da stress. British Journal of Psychiatry, 163, 106-108.

Sprang, G. (2001). L’uso della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) nel trattamento dello stress traumatico e del lutto con complicazioni: risultati psicologici e comportamentali. Research on Social Work Practice, 11, 300-320.

Srivastava, U., & Mukhopadhyay, A. (2008). L’applicazione dell’EMDR nel trattamento della depressione aggravata: un caso di studio. Indian Journal of Clinical Psychology. 35, 163-172.

Stewart, K. & Bramson, T. (2000). Incorporare l’EMDR nel trattamento residenziale. Residential Treatment for Children & Youth, 17, 83-90.

Stowasser, J. (2007). EMDR e terapia familiare nel trattamento della violenza domestica. In F. Shapiro, F. W. Kaslow & L. Maxfield (Eds.), Handbook of EMDR and family therapy processes (pp. p. 243-264). Hoboken, N.J.: Wiley.

Streeck-Fischer, A. (2005). Traumaexposition bei Jugendlichen? Ein Fallbeispiel. [Esposizione al trauma per gli adolescenti? Report di un caso]. PTT: Personlichkeitsstorungen Theorie und Therapie, 9(1), 22.

Talan, B. S. (2007). Integrare l’EMDR alla “imago relationship therapy” nel trattamento delle coppie. In F. Shapiro, F. W. Kaslow & L. Maxfield (Eds.), Handbook of EMDR and family therapy processes(pp. p. 187-201). Hoboken, N.J.: Wiley.

Tanaka, K., & Inoue, K. (1999). Trattamento EMDR per ricordi infantile traumatici – un caso di depressione stagionale come fenomeno legato a un anniversario. Kokoro no Rinsho Arakaruto, 18(1), 69-75.

Taylor, R. (2002). L’unità in famiglie con disturbo reattivo dell’attaccamento: un breve trattamento.   Contemporary Family Therapy: An International Journal, 24, 475-481.

Thomas, R. & Gafner, G. (1993). DPTS in un uomo anziano: trattamento di desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR). Clinical Gerontologist, 14, 57-59.

Tinker, R. H. & Wilson, S. A. (1999). Through the eyes of a child: EMDR with children. (tr. Attraverso gli occhi di un bambino: l’EMDR e i bambini) New York: Norton.

Tinker, R. H. & Wilson, S. A. (2006). Il protocollo per la sindrome dell’arto fantasma. In Shapiro, R. (Ed.), EMDR Solutions: Pathways to Healing, (pp 147-159), New York, W. W. Norton & Co.

Torun, F. (2010). Trattamento EMDR del vaginismo: report di due casi. Turk Psikiyatri Derg21(3), 243-8.

Tufnell, G. (2005). Il trattamento di desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari nei bambini pre-adolescenti con sintomi post-traumatici. Clinical Child Psychology and Psychiatry, 10(4),587.

Twombly, J. (2000). Incorporare l’EMDR e i suoi adattamenti nel trattamento di pazienti affetti da disturbi dissociativi dell’identità. Journal of Trauma and Dissociation, 1, 61-81.

Twombly, J. H. (2005). L’EMDR per pazienti con Disturbo Dissociativo dell’Identità, Disturbo Dissociativo Non Altrimenti Specificato e Ego States. In R. Shapiro (Ed.), EMDR solutions: pathways to healing (pp. 88-120). New York: W. W. Norton.

Uribe, M. E. R., & Ramirez, E. O. L. (2006). Gli effetti della terapia EMDR sull’elaborazione negativa delle informazioni da parte di pazienti che soffrono di depressione. Revista Electrónica de Motivación y Emoción (REME), 9, 23-24.

van den Berg, D.P.G. & van den Gaag, M. (2012). Trattare i traumi nella psicosi grazie all’EMDR: uno studio pilota. Journal of Behavior Therapy & Experimental Psychiatry, 43, 664-671.

van der Kolk, B. A., Spinazzola, J., Blaustein, M. E., Hopper, J. W., Hopper, E. K., Korn, D. L., Simpson, W. B. (2007). Uno studio clinico randomizzato della desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR), della fluoxetina e della pillola placebo nel trattamento del disturbo post traumatico da stress: gli effetti dei trattamenti e il loro mantenimento nel tempo. Journal of Clinical Psychiatry, 68(1), 37-46.

Van Loey, N.E.E.& Van Son, M.J.M. (2003). Psicopatologia e problemi psicologici nei pazienti con cicatrici da bruciature. American Journal of Clinical Dermatology, 4, 245-272.

Vaughan, K., Armstrong, M . F., Gold, R., O’Connor, N., Jenneke, W., & Tarrier, N. (1994). Uno studio della desensibilizzazione tramite movimenti oculari comparata al “image habituation training” e al rilassamento muscolare applicato nel trattamento del disturbo post traumatico da stress. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry, 25, 283-291.

Vaughan, K., Wiese, M., Gold, R., & Tarrier, N. (1994). La desensibilizzazione tramite movimenti oculari: cambiamento dei sintomi nel disturbo post traumatico da stress. British Journal of Psychiatry, 164, 533-541.

Vogelmann-Sinn, S., Sine, L. F., Smyth, N. J., & Popky, A. J. (1998). EMDR chemical dependency treatment manual. (tr. Manuale del trattamento EMDR della dipendenza chimica) New Hope, PA: EMDR Humanitarian Assistance Programs.

Wadaa, N. N., Zaharim, N. M., & Alqashan, H. F. (2010). L’uso dell’EMDR nel trattamento di bambini irakeni traumatizzati. Digest of Middle East Studies19, 26-36.

Wanders, F., Serra, M., & de Jongh, A. (2008). L’EMDR contro la terapia cognitivo-comportamentale nei bambini con problemi di autostima e comportamentali: uno studio randomizzato controllato. Journal of EMDR Practice and Research, 2, 180-189.

Wernik, U. (1993). Il ruolo della componente traumatica nelle cause delle disfunzioni sessuali e il suo trattamento con la desensibilizzazione tramite movimenti oculari. Journal of Sex Education and Therapy, 19, 212-222.

Wesselmann, D. & Potter, A. E. (2009).  Cambiamenti nello status di attaccamento degli adulti in seguito al trattamento EMDR: tre casi di studio. Journal of EMDR Practice and Research, 3, 178-191.

Wesson, M. & Gould, M. (2009). Intervenire rapidamente con l’EMDR nelle operazioni militari: un caso di studio. Journal of EMDR Practice and Research, 3, 91-97.

White, G.D. (1998). Formazione al trattamento del trauma per addetti alla salute mentale in Bosnia e in Croazia. American Journal of Orthopsychiatry, 63, 58-62.

Wilensky, M. (2006). La desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) come trattamento per la sindrome dell’arto fantasma. Journal of Brief Therapy, 5, 31-44.

Wilson, S. A., Becker, L. A., & Tinker, R. H. (1995). Il trattamento di desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) per individui psicologicamente traumatizzati. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 63, 928-937.

Wilson, S. A., Becker, L. A., & Tinker, R. H. (1997). Valutazione a 15 mesi dal trattamento di desensibilizzazione e rielaborazione tramite movimenti oculari (EMDR) per DPTS e trauma psicologico. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 65, 1047-1056.

Wilson, S.A., Becker, L.A., Tinker, R.H., & Logan, C.R. (2001). Gestione dello stress nel personale delle forze dell’ordine. I risultati di uno studio controllato dell’EMDR contro il programma tradizionale di gestione dello stress. International Journal of Stress Management, 8, 179-200.

Wilson, S. A., Tinker, R., Becker, L. A., Hofmann, A., & Cole, J. W. (2000, September). Il trattamento EMDR con imaging celebrale (MEG) della sindrome dell’arto fantasma. Resoconto presentato al meeting annuale della EMDR International Association, Toronto, Canada.

Wolpe, J. & Abrams, J. (1991). Disturbo post traumatico da stress superato grazie alla desensibilizzazione tramite movimenti oculari: report di un caso. Journal of Behavior Therapy and Experimental Psychiatry 22, 39-43.

Young, W. (1994). Il trattamento EMDR dei sintomi da fobia in personalità multiple. Dissociation, 7, 129-133.

Young, W. (1995). EMDR: il suo uso nella risoluzione di traumi causati dalla perdita di un compagno d’armi. American Journal of Psychotherapy, 49,282-291.

Zimmermann, P; Güse, U; Barre, K; Biesold, K H (2005). L’EMDR nelle forze armate tedesche – Impatto terapeutico del trattamento in ricovero del disturbo post traumatico da stress /EMDR-Therapie in der Bundeswehr–Untersuchung zur Wirksamkeit bei Posttraumatischer Belastungsstörung, Krankenhauspsychiatrie. Vol. 16(2), Jun 2005, pp. 57-63.

Zabukovec, J., Lazrove, S., & Shapiro, F. (2000). Gli aspetti dell’auto guarigione nell’EMDR: il processo di cambiamento terapeutico e la prospettiva delle psicoterapie integrate. Journal of Psychotherapy Integration, 10, 189-206.

Zaghrout-Hodali, M., Alissa, F., & Dodgson, P. W. (2008). Costruire la resilienza e smantellare la paura: protocollo di un gruppo di EMDR nei bambini di un’area con trauma in corso. Journal of EMDR Practice and Research, 2(2), 106-113.

Zweben, J. & Yeary, J. (2006). L’EMDR nel trattamento della dipendenza. Journal of Chemical Dependency Treatment, 8, 115-127